OBESITA’:COMPLICANZE E DIETOTERAPIA

MedikalBeauty Institute > Articoli > OBESITA’:COMPLICANZE E DIETOTERAPIA

L’obesità

Complicanze e dietoterapia

L’obesità rappresenta un diffuso fattore di rischio per la salute di gran parte della popolazione dei paesi occidentali. Per questo è importante affrontare l’obesità in modo serio, senza rimedi fai da te, ma affidandosi a professionisti della salute alimentare, capaci di riportarti al peso forma in modo definitivo.

Si definisce obesa una persona il cui peso corporeo sia superiore del 30% a quello ideale o desiderabile, secondo le tabelle degli standard altezza-peso. Attualmente, si usa definire l’obesità in termini di indice di massa corporea (Body Mass Index, BMI o IMC) cioè peso in chilogrammi diviso il quadrato dell’altezza espresso in metri. Ad esempio una persona di 85 kg alta 160 cm. ha un IMC pari a 33,20 corrispondente a Obesità di 1 classe.

Obesità: Fattori di rischio

Fattori ambientali: lo stato socioeconomico ha un’importante influenza sull’obesità, particolarmente tra le donne. Studi hanno mostrato che l’appartenenza fin dalla nascita a uno stato socioeconomico basso è un potente fattore di rischio per l’obesità.

Uno stile di vita sedentario, come quello prevalente nelle società occidentali, favorisce l’obesità. L’attività fisica non solo richiede un dispendio di energia, ma aiuta anche a controllare l’assunzione del cibo. Sebbene l’assunzione di cibo aumenti con l’aumentare delle richieste energetiche, può non ridursi in modo proporzionale, quando l’attività fisica si riduce a livelli minimi; in alcune persone, quindi, la riduzione dell’attività fisica può in realtà causare un aumento dell’assunzione del cibo.

Un aumento delle cellule adipose e della massa del tessuto adiposo durante l’infanzia e la fanciullezza, predispone all’obesità. Questo incremento può essere pari a 5 volte il numero delle cellule adipose delle persone di peso normale. La dieta riduce solo le dimensioni delle cellule adipose e non il loro numero. Di conseguenza, le persone con un tessuto adiposo ipercellulare possono tornare a un peso normale solo attraverso una marcata riduzione del contenuto lipidico di ciascuna cellula adiposa. Tale riduzione pone un limite biologico alla capacità di perdere peso e può spiegare la difficoltà a raggiungere un peso normale.

I farmaci sono stati aggiunti recentemente all’elenco dei fattori che causano l’obesità. Un aumento di peso può essere causato dagli ormoni steroidei e dalle quattro maggiori classi di farmaci psicoattivi: antidepressivi tradizionali , benzodiazepine, litio e farmaci antipsicotici. Limitare l’uso della terapia farmacologica per prevenire l’aumento di peso può rappresentare un serio dilemma terapeutico e và valutato solo dal proprio medico curante.

I fattori endocrini sono stati tradizionalmente considerati come un’importante causa dell’obesità. L’iperinsulinismo dovuto alle neoplasie pancreatiche, l’ipercortisolismo della sindrome di Cushing, la disfunzione ovarica della sindrome dell’ovaio policistico e l’ipotiroidismo sono fattori coinvolti in alcuni casi di obesità, ma le cause endocrine interessano solo un numero limitato di persone obese.

I fattori psicologici, in passato considerati un’importante causa di obesità, sono ora largamente ritenuti limitati a due modelli alimentari anormali. Gli attacchi di bulimia incontrollata sono caratterizzati dal consumo di grandi quantità di cibo in breve tempo, accompagnato da un soggettivo senso di perdita del controllo durante l’attacco e da un successivo senso di afflizione. Diversamente dai pazienti affetti dalla bulimia nervosa, in questi pazienti non si innescano comportamenti compensatori, come il vomito; quindi i loro attacchi di bulimia causano un’eccessiva assunzione calorica. La sindrome da alimentazione notturna consiste in anoressia al mattino e iperfagia serale con insonnia.

Obesità: Complicanze e conseguenze

Le deleterie conseguenze dell’obesità sono importanti. Molte delle alterazioni metaboliche dell’obesità sono causate dal grasso viscerale addominale, che determina un’aumentata concentrazione degli acidi grassi liberi nel circolo portale e, di conseguenza, l’insulino-resistenza, l’iperinsulinemia e l’ipertensione. Questa sequenza di eventi causa il diabete, la dislipidemia e, in ultimo, la malattia coronarica.

obesità

Obesità: Perdere peso con la dietoterapia

I programmi di gestione del peso possono essere divisi in tre categorie principali:

I programmi fai da te sono il ripiego per la maggior parte degli obesi che cercano aiuto e che vorrebbero una soluzione quasi “miracolosa”, ma che raramente risulta risolutiva. Essi includono i gruppi autogestiti, i libri, gli articoli di riviste e i prodotti per dimagrire, come le preparazioni per la sostituzione dei pasti.

I programmi clinici vengono forniti da operatori specializzati in Nutrizione, spesso all’ interno di programmi per la perdita di peso ed il modellamento del corpo.

I programmi per la gestione del peso utilizzano due modalità basilari: la dieta con i consigli nutrizionali e la terapia comportamentale.

Dieta: attualmente la dieta tradizionale è prescritta di rado; sono invece enfatizzati i cambiamenti a lungo termine delle abitudini. La maggior parte dei programmi, insegna come fare dei sicuri e graduali cambiamenti nei modelli alimentari. Questi cambiamenti includono una moderata assunzione di carboidrati complessi (pane, cereali e pasta), una elevata assunzione di fibre attraverso il consumo di frutta e verdura, la riduzione dell’apporto di grassi e carboidrati semplici.

Terapia comportamentale: tale terapia, coadiuvante la dieta, si basa sull’analisi del comportamento, quindi l’importanza di modificarlo. Il più importante comportamento da modificare è il modo di alimentarsi ed il tentativo di diminuire la velocità nel mangiare. Successivamente si prosegue con il miglioramento delle abitudini alimentari, da quelle relativamente remote (p. es., fare la spesa) a quelle più immediate (p. es., la eliminazione di spuntini ad alto contenuto calorico). Il terzo passo consiste nel rinforzare questi comportamenti. L’automonitoraggio, con una dettagliata annotazione dei consumi alimentari e delle sensazioni in merito, (la compilazione del Diario Alimentare), è usata per stabilire quali comportamenti devono essere modificati e rinforzati. L’educazione alimentare è considerata da sempre la più importante, così come l’attività fisica. La terapia cognitiva è stata applicata per superare gli atteggiamenti di “autosabottaggio” nei confronti della riduzione del peso e per fornire un training nella prevenzione delle ricadute per gli usuali strappi alle regole alimentari.

obesità

COMPILA IL FORM PER FISSARE UNA CONSULENZA GRATUITA E SENZA IMPEGNO:

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Acconsento all' utilizzo dei miei dati personali ai fini di ricevere una risposta alla mia richiesta, è obbligatorio per inviare la richiesta. Informativa sulla privacy ai sensi del regolamento UE 679/2016.
Leggi Privacy Policy - Cookie Policy

GRAZIE PER IL VOSTRO MESSAGGIO!
È STATO INVIATO

Chiudi

Newsletter

Resta sempre aggiornato su trattamenti e offerte Email di Medikal Beauty!

Note

  1. Gli effetti della dieta e dei trattamenti possono variare da persona a persona. Le condizioni soggettive possono portare risultati differenti (malattie, disfunzioni, uso di farmaci), non è perciò possibile assicurare il risultato finale in modo assoluto. In ogni caso i trattamenti dimagranti devono intendersi come integrativi, non sostitutivi di uno stile di vita sano.
  2. Dieta sana significa imparare a regolare quantità e tipologia di cibi da ingerire in base ai consumi del proprio corpo, considerando disfunzioni o patologie personali, evitando le sostanze di cui è scientificamente provato l'esser nocive, contenute in tantissimi alimenti presenti sul mercato.
  3. Gli effetti dei trattamenti di epilazione laser alessandrite possono variare da persona a persona. Le condizioni soggettive possono portare risultati differenti (fototipo, uso di farmaci, disfunzioni ormonali), non è perciò possibile assicurare il risultato finale in modo assoluto.
  4. Gli effetti dei trattamenti di ringiovanimento del viso collo e décolleté possono variare da persona a persona. Le condizioni soggettive possono portare risultati differenti (età, predisposizione genetica, disfunzioni, uso di farmaci, fumo, alcool) non è perciò possibile assicurare il risultato finale in modo assoluto.
  5. I risultati dei trattamenti di biostimolazione capillare sono diversi da soggetto a soggetto. Le condizioni soggettive possono portare a risultati differenti (predisposizione genetica, disfunzioni ormonali, alopecia), perciò non è possibile assicurare il risultato finale in modo assoluto.